Home

Chi sono

Collaboratori

Contatti

Attività

Photogallery

Meteo





Gli Amici

Dolce & Salato

Consigli

I Link


l'Album dei Ricordi



RegolamentoPrivacyNewsletter
 
     
Palla Bianca,
Punta di Finale e Similaun
Val Senales, Alpi Venoste

 

In un autunno livido di oltre 5000 anni fa, dopo aver trascorso l’estate con il suo gregge sugli alti pascoli alpini, un pastore, anziché scendere verso il suo villaggio e partecipare alla raccolta dei cereali, fu costretto da ignoti inseguitori, e per altrettanto ignoti motivi, ad intraprendere precipitosamente l’attraversata del crinale alpino in direzione nord, verso l’Otztal. Durante la fuga venne raggiunto da una freccia che gli si conficcò sotto la spalla, cadde e si rialzò più volte, fratturandosi alcune costole; nonostante ciò raggiunse comunque il crinale, appoggiò l’arco e la faretra, consumò il suo pasto e, stremato dalla fatica e dal dolore, si rifugiò in un canalone per concedersi un po’ di riposo. Coricato su un fianco si addormentò, per non risvegliarsi mai più. Giovedì, 19 Settembre 1991: i coniugi Erika ed Helmut Simon di Norimberga, che stavano tornando dalla vetta della Punta di Finale, giunti nei pressi del ghiacciaio Hauslabjoch si imbatterono nel cadavere di un essere umano emerso solo parzialmente dal ghiaccio; coricato su un fianco, con un arco e una faretra poco lontani da lui. L’uomo dei ghiacci, che oltre 5000 anni fa aveva perso la sua battaglia contro il freddo e gli stenti, aveva vinto quella contro il tempo, conservandosi pressoché intatto fino ai giorni nostri. Si tratta ovviamente di una ricostruzione la cui veridicità nessuno potrà mai dimostrare; ciò fa sì che la storia dell’uomo di Similaun porti con sè un alone di mistero che resiste ancora oggi, a dieci anni dal suo ritrovamento, e che noi andremo a vivere, percorrendo per due giorni i sentieri di questi suggestivi e magici luoghi.



ISCRIVITI

Versione Stampabile

Scala delle Difficoltà

Meteo
 

1° giorno. Da Vernago, percorreremo il fondo valle della Val Senales, fino a raggiungere Maso Corto, e quindi il Rifugio Bellavista, dove potremo rilassarci in attesa delle “imprese” che ci aspettano nei giorni successivi.

Località di partenza - Vernago in Val Senales (1711 m s.l.m.) (BZ)
Località di arrivo -

Rifugio Bellavista (2842 m s.l.m.)

Punto più Alto - Rifugio Bellavista (2842 m s.l.m.)
Dislivello in salita - 1130 m
Punti di appoggio intermedi - Vari locali a Maso Corto
Difficoltà - E

2° giorno. Dal Rifugio Bellavista, partiremo alla volta della Palla Bianca (Weisskugel) percorrendo una delle due Vie Normali italiane. Quella da noi scelta è la meno frequentata e si svolge interamente in un contesto ambientale di alta montagna veramente superlativo ed incantevole. La vetta è uno splendido punto panoramico che da solo costituisce già un valido motivo per salire questa grande montagna.  

Località di partenza - Rifugio Bellavista (2842 m s.l.m.)
Località di arrivo -

Rifugio Bellavista (2842 m s.l.m.)

Punto più Alto - Palla Bianca (3739 m s.l.m.)
Dislivello in salita - 900 m
Punti di appoggio intermedi - Nessuno
Difficoltà - PD

3° giorno. Dal rifugio Bellavista, raggiungeremo il ghiacciaio, supereremo il vallone che porta al Finail Kopf e entreremo nel vallone del Giogo di Tisa 3280m. Da qui saliremo alla Vetta della Punta di Finale (3514 m). Ridiscesi verso il Giogo di Tisa, visiteremo il luogo di ritrovamento della mummia del Similaun, e quindi per sentiero raggiungeremo il Rifugio Similaun.

Località di partenza - Rifugio Bellavista (2842 m s.l.m.)
Località di arrivo -

Rifugio Similaun (3019 m s.l.m.)

Punto più Alto - Punta di Finale (3514 m s.l.m.)
Dislivello in salita - 900 m
Punti di appoggio intermedi - Nessuno
Difficoltà - F+

4° giorno. Dal Rifugio Similaun, si percorre brevemente la morena di fronte a noi, per poi scendere alla base del ghiacciaio. Da qui si risale, puntando dapprima verso Nord e quindi aggirando a destra la zona dei crepacci. Raggiunta la cresta nevosa, poco sopra la crepaccia terminale, la si percorre senza eccessive difficoltà fin sulla cima, sormontata dalla grande Croce metallica.

Località di partenza - Rifugio Similaun (3019 m s.l.m.)
Località di arrivo -

Vernago in Val Senales (1711 m s.l.m.)

Punto più Alto - Similaun (3607 m s.l.m.)
Dislivello in salita - 600 m
Dislivello in discesa - 1900 m
Punti di appoggio intermedi - Nessuno
Difficoltà - F + 
 



Equipaggiamento - Da escursione : Scarponi da Alpinismo

Piccozza omologata (UIAA 152)
Ramponi omologati (UIAA 153)
Imbrago omologato (UIAA 105)

Non sono ammesse scarpe da ginnastica.
Per qualche altro consiglio guarda qui

Punti di Appoggio - Rifugio Bellavista (2842 m)
Rifugio Similaun (3019 m)
Pranzo - Pranzo al sacco a carico dei partecipanti, da prevedere alla partenza per entrambi i giorni di escursione. Cena e prima colazione presso le strutture indicate per il pernottamento.



Mezzo di Trasporto - Auto proprie
Sei senza auto ? Contattami
Punti e Orari di Ritrovo - Stazione MM3 Milano Affori, Ore 5.00
    E' possibile concordare punti e orari di ritrovo
differenti :
Contattami
Costo dell'Escursione - Da definirsi in base al numero dei partecipanti
Chiusura Iscrizioni -  
La quota include - Accompagnamento professionale a norma di legge da parte di
Guide Alpine Maestri di Alpinismo
La quota non include - Spese di viaggio, vitto e tutto quanto non indicato alla voce "la quota include"
Numero  Partecipanti - Massimo 12, Minimo 4




Per qualsiasi ulteriore chiarimento si rendesse
necessario, non esitare a contattarmi




home - chi sono - collaboratori - attività - photogallery - meteo

montimania.it
di Marco Fiorito - Accompagnatore di media Montagna Regione Lombardia