Home

Chi sono

Collaboratori

Contatti

Attività

Photogallery

Meteo





Gli Amici

Dolce & Salato

Consigli

I Link


l'Album dei Ricordi


Sconto del 20 %
su abbigliamento e attrezzature a tutti i clienti di
Montimania
presso

 
 

L'Abbigliamento in Inverno 

In inverno, ciò che varia di più rispetto all’estate è ciò che ci mettiamo addosso, essendo evidente la necessità di proteggersi dal freddo. Spesso in inverno si è costretti a prepararsi per l’escursione in un parcheggio all’ombra, dove la temperatura, la mattina presto, può essere anche di parecchi gradi sotto zero; ecco quindi che si tende a esagerare, affrontando l’escursione troppo coperti, e quindi regalandosi una sauna non appena si esce al sole e la traccia magari comincia a tirare. Consigliabile quindi, ancor più che in estate il vestirsi “a cipolla” ovvero con la possibilità di partire la mattina con tutti gli strati che riteniamo necessari, per poi sfilarceli man mano che la temperatura ambientale e corporea aumentano. Fermo restando il fatto quindi che in inverno bisogna coprirsi un po’ di più che in estate, per quanto sopra esposto, ritengo più utile aumentare il numero di capi, piuttosto che aumentarne lo spessore. 

- Calzature. Che per partecipare alle gite ci vogliono calzature da montagna lo abbiamo già appurato in più parti di questo sito; che in inverno siano assolutamente necessari degli scarponi pesanti con una buona tenuta all’acqua può apparire scontato, ma è sempre meglio sottolinearlo. In inverno quindi escludiamo assolutamente le scarpette basse, ma anche le pedule leggere, le quali, se possono avere una discreta impermeabilità, non garantiscono in alcun modo una temperatura del piede adeguata. Assolutamente da evitare i moon boot (che fra l’altro non entrano nelle ciaspole) o gli anfibi.  

- Calze. Anche per quanto riguarda le calze, l’imperativo durante l’inverno è mantenere una temperatura del piede più adeguata possibile. Scegliamone quindi di sufficientemente calde, badando però che non sempre spesse vuol dire calde, anzi, con l’avvento dei nuovi materiali, spesso è vero il contrario. 

- Intimo. Lo stesso che si usa in estate va più che bene, magari sostituendo la maglietta a maniche corte con una a maniche lunghe. Tieni presente che la lana e il cotone faticano parecchio ad asciugarsi, e in inverno l’effetto “schiena bagnata” è molto più fastidioso che in estate, per cui il mio consiglio è di utilizzare capi sintetici. 

- Pantaloni. I pantaloni per l’inverno devono avere tutte le caratteristiche già descritte, con un occhio di riguardo alla capacità di asciugarsi molto velocemente, perché se è vero che ne proteggiamo la parte bassa con le ghette, lo è altrettanto che specialmente nelle discese, tendiamo a tirarci addosso da soli grandi quantità di neve. Anche il mantenimento del calore corporeo è importante, tuttavia è bene evitare esagerazioni come pantaloni imbottiti o tute da sci, entro i quali faremmo la sauna. I jeans sono la cosa più sbagliata con la quale andare in montagna in estate, figuriamoci in inverno quando è praticamente certo che si bagneranno, restando fradici per l’intera giornata (e buona parte del giorno successivo). 

- Pile o Maglione. Stesso identico discorso fatto per l’estate, tenendo presente che a temperature più rigide è bene corrispondano capi di vestiario sensibilmente più pesanti, o meglio ancora, un ulteriore strato supplementare. 

- Giacca. Come detto il compito della giacca è essenzialmente quello di tenere fuori acqua e vento, per cui in inverno va benissimo lo stesso capo che usiamo in estate. Certo, sarebbe bene averne uno leggermente più pesante, ma visto quanto costano le giacche con le caratteristiche giuste, possiamo benissimo farci bastare sempre lo stesso. Porrei invece l’attenzione sul fatto che è bene evitare piumini super pesanti, giacconi iperimbottiti o tute da sci (ancora quelle), entro le quali faremmo la sauna, oltre ad essere impediti nei movimenti. 

- Abbigliamento anti pioggia. In inverno valgono le stesse identiche considerazioni fatte per l’estate, tenendo però presente che sulla neve, dove si è pressoché obbligati a utilizzare i bastoncini telescopici, è praticamente impossibile reggere un ombrello. 

- Cappello. Un berrettino di lana o di pile che ci protegga le orecchie e la fronte dal freddo è una cosa da avere sempre con sé. Può inoltre essere molto utile quando nevica, cosa che in inverno, in quota, accade molto più frequentemente. 

- Fascia para orecchie. Personalmente la trovo abbastanza fastidiosa, tuttavia le zone periferiche del nostro corpo sono quelle che si congelano prima, per cui insieme ai guanti, la fascia para orecchie può essere una buona soluzione quando non si voglia indossare un cappello.  


 

Per un quadro generale sull'abbigliamento da montagna prova a dare un'occhiata qui

 


Per ogni dubbio, perplessità o consiglio, ti invito come sempre a contattarmi.

Lo zaino in inverno

Le attrezzature in inverno                                                              
















 



home - chi sono - collaboratori - attività - photogallery - meteo

montimania.it
di Marco Fiorito - Accompagnatore di media Montagna Regione Lombardia